Coronavirus Italia: oggi altri 4.257 casi e 53 vittime, tasso di positività al 3,9%

IL TREND GIORNO PER GIORNO

Casi attualmente positivi, guariti, morti e casi totali dal primo rilevamento a oggi. Casi nuovi giorno per giorno

Loading…

In Abruzzo 20 nuovi casi e due decessi

Sono 20, di età compresa tra 2 e 76 anni, i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 78.998. Il totale risulta inferiore in quanto è stato eliminato un caso, comunicato nei giorni scorsi, risultato in carico ad altra Regione. Il bilancio dei pazienti deceduti registra due nuovi casi e sale a 2.529. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 74.182 dimessi/guariti (+63 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 2.287 (-46 rispetto a ieri).

Marche, un solo decesso in 24h

Un degente in meno per Covid-19 in 24ore (81) e quattro in meno negli ultimi due giorni: attualmente nelle Marche ci sono 17 ricoverati in Terapia intensiva (+1 nell’ultima giornata), 13 in Semintensiva (invariati) e 51 nei reparti non intensivi (-2); un dimesso in 24ore. Lo comunica il Servizio Sanità delle Marche. In un giorno sono stati rilevati 46 positivi (incidenza 86,58 su 100mila abitanti) e si è registrato un solo decesso, che porta il totale a 3.047.

In Veneto 319 casi, tasso positività al 2,27%

Sono 319 i nuovi casi di contagio registrati in Veneto nelle ultime 24 ore. È quanto ha fatto sapere Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, in occasione del punto stampa dalla sede della Protezione civile a Marghera. “Considerando i 10.725 tamponi eseguiti, si tratta di un’incidenza alla positività pari al 2,27% – ha affermato – I veneti positivi al virus e attualmente in isolamento sono 13.086”.

TERAPIE INTENSIVE, RICOVERI E ISOLAMENTO DOMICILIARE

Il numero di ricoveri giornalieri, quelli in terapia intensiva, le persone in isolamento domiciliare e la crescita percentuale giornaliera.

Loading…

Basilicata, altri 75 positivi e due morti

Da mercoledì prossimo, 1 settembre, “vaccinazione libera in tutti i punti vaccinali della Basilicata”: lo ha annunciato il presidente della Regione, Vito Bardi, dopo un fine settimana durante il quale la regione è stata “ai vertici per vaccinazioni” ma ha registrato anche – secondo i dati della task force e del suo bollettino – 75 positivi su 1.503 tamponi analizzati e due morti (portando a 577 il totale delle vittime). Negli ospedali di Potenza e di Matera sono ricoverate 48 persone, una delle quali è in terapia intensiva.

Un nuovo decesso in Umbria, scendono i ricoveri

Andamento altalenante dei ricoveri in Umbria nei reparti covid. Oggi si registra un paziente in meno, dopo la crescita significativa di ieri. Al momento sono 57 i pazienti ricoverati per covid negli ospedali umbri, di cui sette in terapia intensiva. Va segnalata però una nuova vittima. Lo ha riferito in mattinata la regione Umbria riportando i dati aggiornati sulla situazione pandemica. Nelle ultime ventiquattro ore, complice la giornata domenicale, in cui come da consueto si riduce il numero dei tamponi effettuati, sono stati rilevati 28 nuovi positivi. Gli attualmente positivi, in diminuzione per il quarto giorno consecutivo, sono 1.728.

Source

“https://www.ilsole24ore.com/art/coronavirus-ultime-notizie-italia-30-agosto-2021-AE9hQYf”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Blocco procedure esecutive: novità destinata ad aiutare le famiglie che stanno subendo l’azione esecutiva sulla propria abitazione principale.
Esecuzioni immobiliari: come rifinanziare la prima casa all’asta
In estrema sintesi, è data la possibilità al debitore/consumatore la cui abitazione principale sia sottoposta ad esecuzione forzata iniziata dalla banca creditrice (o da un intermediario finanziario ex art. 106 D.Lgs. n. 385/1993 o, ancora, da una società per la cartolarizzazione dei crediti di cui all’art. 3, L. n. 130/1999) o in cui la stessa sia intervenuta per un credito assistito da ipoteca di primo grado, di formulare una richiesta di rinegoziazione del mutuo in essere ovvero di finanziamento finalizzato all’estinzione del detto mutuo, con surroga nell’ipoteca esistente e con eventuale garanzia del Fondo di Garanzia per la prima casa

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: