Paralimpiadi, Italia d’argento nel tiro con l’arco squadre miste

Tokyo 2020, la penultima giornata

66esima medaglia con Mijno e Travisani. Attesa per la finale 100 metri, primi 3 tempi italiani. In pista Caironi, Sabatini e Contrafatto

Condividi

04 settembre 2021

L’Italia conquista la medaglia d’argento nella prova a squadre miste di tiro con l’arco alle Paralimpiadi di  Tokyo. Elisabetta Mijno e Stefano Travisani cedono in finale per 5-4  alla coppia russa. Per l’Italia è la medaglia numero 66 in questa edizione delle Paralimpiadi.

“Dico sempre che l’argento è una medaglia persa, ma alla prima Paralimpiade, con un sacco di emozioni, va bene così” ha detto Travisani, subito dopo la finale allo Yumenoshima Park Archery Field. Per Mijno si tratta del terzo podio in tre Paralimpiadi diverse: “Lo dovevo alla mia squadra e lo dovevo a me”, ha commentato l’arciera azzurra.

La penultima giornata di gare vedrà protagoniste, tra gli altri, tre atlete azzurre: Martina Caironi, Ambra Sabatini e Monica Contrafatto. Storie diverse intrecciate da una passione comune: l’atletica. Cairoli è favorita nei 100 metri T63, ma la corsa per la vita queste campionesse l’hanno già vinta. Contrafatto, classe 1981, è Caporal maggiore scelto dell’Esercito rimasta gravemente ferita il 24 marzo 2012 durante un attacco alla base italiana in Gulistan, Afghanistan. L’atleta di Gela ha subito l’amputazione della gamba destra, la ricostruzione dell’intestino e di una mano.

Source

“https://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Paralimpiadi-Tokyo2020-9ab08093-f650-4c84-9c7c-6667b08ced85.html”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Blocco procedure esecutive: novità destinata ad aiutare le famiglie che stanno subendo l’azione esecutiva sulla propria abitazione principale.
Esecuzioni immobiliari: come rifinanziare la prima casa all’asta
In estrema sintesi, è data la possibilità al debitore/consumatore la cui abitazione principale sia sottoposta ad esecuzione forzata iniziata dalla banca creditrice (o da un intermediario finanziario ex art. 106 D.Lgs. n. 385/1993 o, ancora, da una società per la cartolarizzazione dei crediti di cui all’art. 3, L. n. 130/1999) o in cui la stessa sia intervenuta per un credito assistito da ipoteca di primo grado, di formulare una richiesta di rinegoziazione del mutuo in essere ovvero di finanziamento finalizzato all’estinzione del detto mutuo, con surroga nell’ipoteca esistente e con eventuale garanzia del Fondo di Garanzia per la prima casa

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: