Spid, CIE, Cns: dal 1 ottobre accesso a servizi online della PA. Eccetto i professionisti

Con Comunicato stampa del 15 settembre le Entrate informavano che 

  • dal 1 ottobre 2021 
  • l’accesso dei cittadini ai servizi online
    • dell’Agenzia delle Entrate 
    • di Agenzia entrate-Riscossione 
  • potrà avvenire solo con:
    • Spid, 
    • Cie (Carta di identità elettronica) 
    • Cns (Carta nazionale dei servizi).  

Servizi online dell’Agenzia delle Entrate

I canali telematici sono ormai una realtà consolidata per i servizi offerti dall’Agenzia delle Entrate. 

Dal primo ottobre 2021 solo Spid, Cie e Cns apriranno ai cittadini le porte a questi e ad altri servizi dell’Agenzia delle Entrate che possono essere fruiti via web senza bisogno di recarsi allo sportello. 

Nulla cambia, invece per i servizi disponibili all’utenza senza bisogno di registrazione, come la verifica del codice fiscale, la verifica della partita Iva e la prenotazione appuntamenti.

Leggi anche SPID: cos’è, come si ottiene, a cosa serve

Servizi online di Agenzia della Riscossione 

I servizi online di Agenzia delle entrate-Riscossione, a disposizione di cittadini nell’area riservata del sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it e dell’app Equiclick, sono accessibili da pc, smartphone e tablet e consentono di svolgere in autonomia la maggior parte delle operazioni che si richiedono comunemente agli sportelli. 

Dal prossimo 1° ottobre l’accesso all’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate-Riscossione sarà consentito esclusivamente con le credenziali SPID, CIE e CNS.

Nell’area riservata è possibile:

  • consultare la propria situazione debitoria, 
  • controllare la presenza di cartelle, avvisi e lo stato dei pagamenti, (Leggi anche Condono cartelle: sul sito dell’ Agenzia Riscossione si può sapere se ci spetta)
  • presentare una richiesta di rateizzazione e ottenere poi il relativo piano di dilazione, 
  • chiedere di sospendere la riscossione nei casi previsti dalla legge, pagare, attivare il servizio di alert “Se Mi Scordo” per ricevere i promemoria delle proprie scadenze, 
  • delegare un intermediario a operare per proprio conto. 

Molto utilizzati anche i servizi web disponibili in area pubblica, senza necessità di credenziali di accesso, che consentono ai contribuenti di chiedere informazioni su cartelle, avvisi e procedure, oppure la copia dei bollettini per pagare le rate di una dilazione in corso o la copia della Comunicazione riferita alla “rottamazione”, di effettuare pagamenti, scaricare la modulistica e prenotare un appuntamento agli sportelli.

Potrebbe interessarti Sospendere una cartella: ecco i servizi on line per contribuenti di Agenzia Riscossione

L’accesso ai portali SuperEcobonus 110%, Ecobonus, Bonus casa dal 1 ottobre obbligatorio con SPID

Fino al 30 settembre possibile accedere con vecchie credenziali. Leggi anche Super-ecobonus, eco-bonus, bonus casa: dal 1 ottobre accesso ai portali con SPID

Accesso dei professionisti, le regole sono diverse

Attenzione al fatto che nulla cambia per il momento per i professionisti e le imprese per i quali le credenziali:

  • Fisconline, 
  • Entratel o Sister, 

continueranno a essere rilasciate alle persone fisiche titolari di partita Iva e alle persone giuridiche (PNF) anche dopo il 1° ottobre 2021. 

Leggi anche Spid professionale: guida allo Spid per imprese e professionisti

Le credenziali rilasciate dall’Agenzia delle entrate (Entratel o Fisconline) saranno ancora valide solo per i professionisti e le imprese.

Si specifica che con un apposito decreto attuativo, come previsto dal Codice dell’amministrazione digitale, verranno poi stabilite le regole per queste categorie di utenti.

Leggi anche Commercialisti: i servizi on line dell’Agenzia della riscossione

Ti potrebbe interessare Guida pratica alla redazione di un ricorso tributario

Come ottenere SPID, CIE e CNS

Per avere Spid:

  • basta scegliere uno dei 9 gestori di identità digitale attualmente operativi (più informazioni sul sito https://www.spid.gov.it) e seguire le procedure di identificazione,
  • essere maggiorenni, 
  • avere un documento italiano in corso di validità, 
  • la tessera sanitaria (o tesserino di codice fiscale), 
  • un indirizzo di posta elettronica e un numero di cellulare personali.

LA Cie è la nuova Carta di identità elettronica, rilasciata dal Comune di residenza. Si sottolinea che per utilizzarla al meglio è importante assicurarsi di avere l’intero codice pin della carta e aver installato sul proprio smartphone l’applicazione “Cie Id”; in alternativa è possibile utilizzare un pc dotato di un lettore di smart card.

Leggi anche Come richiedere la carta di identità elettronica o CIE

La Cns, la Carta Nazionale dei Servizi, permette di accedere agli stessi servizi attraverso un dispositivo, come, per esempio, una chiavetta Usb o una smart card dotata di microchip.

Source

“https://www.fiscoetasse.com/rassegna-stampa/31160-spid-cie-cns-dal-1-ottobre-accesso-a-servizi-online-della-pa-eccetto-i-professionisti.html”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Blocco procedure esecutive: novità destinata ad aiutare le famiglie che stanno subendo l’azione esecutiva sulla propria abitazione principale.
Esecuzioni immobiliari: come rifinanziare la prima casa all’asta
In estrema sintesi, è data la possibilità al debitore/consumatore la cui abitazione principale sia sottoposta ad esecuzione forzata iniziata dalla banca creditrice (o da un intermediario finanziario ex art. 106 D.Lgs. n. 385/1993 o, ancora, da una società per la cartolarizzazione dei crediti di cui all’art. 3, L. n. 130/1999) o in cui la stessa sia intervenuta per un credito assistito da ipoteca di primo grado, di formulare una richiesta di rinegoziazione del mutuo in essere ovvero di finanziamento finalizzato all’estinzione del detto mutuo, con surroga nell’ipoteca esistente e con eventuale garanzia del Fondo di Garanzia per la prima casa

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: