Tokyo 2020 ciclismo, Italia d’oro nell’inseguimento a squadre

Medaglia d’oro nel ciclismo su pista per l’Italia nell’inseguimento a squadre a Tokyo 2020. Il quartetto azzurro (Simone Consonni, Filippo Ganna, Francesco Lamon e Jonathan Milan) ha trionfato in finale sulla Danimarca con una straordinaria rimonta negli ultimi 3 giri facendo registrare anche il record del mondo in 3’42”032. Protagonista assoluto Ganna, travolgente nel rush finale fino al sorpasso in extremis. Bronzo alla Gran Bretagna. Per l’Italia, sesta medaglia d’oro ai Giochi.

Leggi anche

“Fa un effetto strano. Sinceramente ancora non ci siamo bene resi conto. Siamo super soddisfatti del lavoro fatto in questi mesi e ne abbiamo dato prova. Quindi siamo contentissimi, è un sogno che siamo riusciti a realizzare tutti insieme, lavorando come un vero team, partendo da noi ragazzi per finire con lo staff. Abbiamo formato un bel gruppo tutti insieme”, dice Ganna.

“Sapevamo di essere competitivi e che potevamo fare qualcosa di grande. Sapevamo di avere il paracadute, ma volevamo il grande risultato e lo abbiamo ottenuto con un grande lavoro di squadra. Nell’ultimo chilometro -aggiunge- sapevamo che avevamo un buono sprint, ma io pensavo a pedalare in pista e non al tempo e a fare un altro record del mondo. I ragazzi mi hanno messo nelle migliori condizioni possibili, fare il lavoro degli altri vi assicuro che è più difficile del mio”.

Source

“https://www.adnkronos.com/tokyo-2020-ciclismo-italia-doro-nellinseguimento-a-squadre_2mhjuAxgyK9T5MPbapoaIU”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Blocco procedure esecutive: novità destinata ad aiutare le famiglie che stanno subendo l’azione esecutiva sulla propria abitazione principale.
Esecuzioni immobiliari: come rifinanziare la prima casa all’asta
In estrema sintesi, è data la possibilità al debitore/consumatore la cui abitazione principale sia sottoposta ad esecuzione forzata iniziata dalla banca creditrice (o da un intermediario finanziario ex art. 106 D.Lgs. n. 385/1993 o, ancora, da una società per la cartolarizzazione dei crediti di cui all’art. 3, L. n. 130/1999) o in cui la stessa sia intervenuta per un credito assistito da ipoteca di primo grado, di formulare una richiesta di rinegoziazione del mutuo in essere ovvero di finanziamento finalizzato all’estinzione del detto mutuo, con surroga nell’ipoteca esistente e con eventuale garanzia del Fondo di Garanzia per la prima casa

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: