Perfezionata l’acquisizione di Aviva Italia, Berenberg promuove Allianz a buy


Perfezionata l'acquisizione di Aviva Italia, Berenberg promuove Allianz a buy

Allianz ha perfezionato l’acquisizione di Aviva Italia, la compagnia assicurativa danni del gruppo Aviva in Italia, da Aviva Italia Holding per 330 milioni di euro. Più nel dettaglio, l’operazione riguarda un portafoglio danni, equamente distribuito tra i segmenti di business auto e non-auto, con premi lordi per circa 400 milioni di euro. Annunciato lo scorso marzo, il deal ha ottenuto le autorizzazioni regolamentari nella seconda metà di quest’anno.

Con efficacia da oggi 1° ottobre, Agostino Ferrara, vicedirettore generale e chief operating officer di Allianz, è stato nominato, in aggiunta ai suoi attuali incarichi, amministratore delegato di Aviva Italia, società interamente controllata dalla capogruppo e che manterrà la propria autonomia operativa. Complessivamente, si uniscono ad Allianz quasi 500 agenti insieme alla loro base clienti e circa 260 dipendenti, che giocheranno un ruolo importante portando la loro esperienza e competenza ad Allianz, che consolida così la propria posizione quale terzo player sul mercato assicurativo danni in Italia.

“L’acquisizione della compagnia rappresenta una grande opportunità di crescita che ben si inquadra nella nostra strategia di sviluppo nel mercato assicurativo. Sono certo che, sotto la guida di Agostino Ferrara, Aviva Italia contribuirà al successo del nostro gruppo”, ha commentato Giacomo Campora, ad di Allianz.

Soddisfatto anche Agostino Ferrara, amministratore delegato di Aviva Italia: “sono molto contento di questa nuova sfida professionale, entrando in un’azienda che ha una storia di successo, grazie alle professionalità dei suoi agenti e dipendenti, e ha saputo ben presidiare il mercato italiano. Avremo l’opportunità di imparare da loro e sono convinto che le sinergie tra le eccellenze di Allianz e quelle di Aviva Italia rappresenteranno un grande valore aggiunto per tutto il nostro gruppo”, ha detto, mentre il titolo Allianz alla borsa di Francoforte, promosso oggi da Berenberg da hold a buy (target price invariato a 254 euro, attualmente l’azione scambia a 8,2 volte il p/e 2023 contro una media quinquennale di 9,4 volte), sale dello 0,35% a quota 195,52 euro.

Allianz ama la crescita ed è costantemente alla ricerca dello sweet spot tra crescita e margine. Questo sforzo non ha avuto successo nel caso di Allianz Global Corporate & Specialty. Tuttavia, ha avuto successo per il più ampio portafoglio danni. Inoltre, grazie all’efficace strategia di Allianz di investire in attività alternative, la crescita è stata buona anche nel vita”, ha sottolineato Berenberg in attesa della presentazione del nuovo piano triennale il prossimo 3 dicembre.

“Crediamo che il 3 dicembre Allianz punterà a una crescita dell’utile operativo superiore al 5% l’anno dal 4% attuale e dell’utile per azione oltre il 6% dal 5% attuale”, ha aggiunto Berenberg. “Pensiamo anche che introdurrà un nuovo obiettivo per le rimesse cash pari a oltre 8 miliardi di euro l’anno. Mentre riteniamo che l’obiettivo di combined ratio resterà invariato al 93% e il Roe rimarrà un obiettivo secondario: continuerà a essere il risultato della creazione di valore piuttosto che un driver chiave. Prevediamo, infine, obiettivi di crescita più elevati per il 2022-2024”. 

Berenberg non è preoccupata dell’inchiesta sui fondi Structured Alpha venduti negli Stati Uniti da Allianz Global Investors, finiti al centro di un’indagine della Sec americana nell’agosto del 2020 e dal primo agosto di quest’anno divenuti oggetto anche di un’inchiesta del Dipartimento di Giustizia Usa. Per il broker le richieste di risarcimento potenziali potrebbero essere pari a 2,3-6,8 miliardi di euro. Tuttavia, “sottolineiamo che il solvency di Allianz dovrebbe essere pari al 200% nello scenario peggiore, grazie alla forte generazione di capitale e alle misure che Allianz sta adottando, come il
l’emissione ibrida RT1 da 2,3 miliardi di euro dello scorso mese”, ha concluso Berenberg. (riproduzione riservata)

Source

“https://www.milanofinanza.it/news/perfezionata-l-acquisizione-di-aviva-italia-berenberg-promuove-allianz-a-buy-202110011313113506”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Blocco procedure esecutive: novità destinata ad aiutare le famiglie che stanno subendo l’azione esecutiva sulla propria abitazione principale.
Esecuzioni immobiliari: come rifinanziare la prima casa all’asta
In estrema sintesi, è data la possibilità al debitore/consumatore la cui abitazione principale sia sottoposta ad esecuzione forzata iniziata dalla banca creditrice (o da un intermediario finanziario ex art. 106 D.Lgs. n. 385/1993 o, ancora, da una società per la cartolarizzazione dei crediti di cui all’art. 3, L. n. 130/1999) o in cui la stessa sia intervenuta per un credito assistito da ipoteca di primo grado, di formulare una richiesta di rinegoziazione del mutuo in essere ovvero di finanziamento finalizzato all’estinzione del detto mutuo, con surroga nell’ipoteca esistente e con eventuale garanzia del Fondo di Garanzia per la prima casa

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: