Covid oggi Italia, Rt in lieve calo: sale incidenza

Covid in Italia, Rt in lieve calo a 0,97, incidenza in leggero aumento a 74 casi per 100mila abitanti. E’ quanto emerge dalla bozza del monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia di Covid-19 in Italia. “Nel periodo 11-24 agosto 2021 – si legge nel documento – l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,92-1,01), prossimo alla soglia epidemica ed in lieve diminuzione rispetto alla settimana precedente. Si osserva una lieve diminuzione anche dell’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt 1 con range 0,97-1,04 al 24 agosto 2021, vs Rt 1,04 con range 1-1,09 al 17 agosto), pari alla soglia epidemica”. Tuttavia, “la elevata proporzione di soggetti giovani e asintomatici evidenziata dai dati epidemiologici pubblicati dall’Istituto superiore di sanità – si precisa – va considerata nella lettura di queste stime di trasmissibilità”.

Quanto all’incidenza settimanale, “è in leggero aumento” a “74 per 100mila abitanti (23-29 agosto) vs 71/100mila abitanti (16-22 agosto), dati flusso Iss. L’incidenza rimane” dunque “al di sopra della soglia settimanale di 50 casi ogni 100mila abitanti che potrebbe consentire il controllo della trasmissione basato sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti”.

“Aumenta il numero di Regioni/Province autonome classificate a rischio epidemico moderato”, anche se “nessuna Regione/Pa presenta un rischio epidemico alto”, si legge nella bozza.

Il documento indica che “17 Regioni/Pa risultano classificate a rischio moderato”, mentre “le restanti 4 Regioni risultano classificate a rischio basso. Sette Regioni/Pa riportano allerte di resilienza. Nessuna riporta molteplici allerte di resilienza”. Le 4 regioni considerate a rischio basso sono Sardegna, Toscana, Umbria e Valle d’Aosta.

“Si conferma il trend di aumento dei ricoveri ospedalieri associati alla malattia Covd-19”, secondo quanto emerge ancora dalla bozza. “Il tasso di occupazione in terapia intensiva – si legge – è in aumento al 6% (rilevazione giornaliera ministero della Salute), con il numero di persone ricoverate in aumento da 504 (24 agosto 2021) a 544 (31 agosto 2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta leggermente al 7,3%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 4.036 (24 agosto a 4.252 (31 agosto)”.

“In lieve aumento” anche “il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (15.951 vs 15.443 la settimana precedente)”. “La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti resta costante (34% vs 34% la scorsa settimana) – si legge – In lieve diminuzione la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% vs 46%). Infine, il 21% è stato diagnosticato attraverso attività di screening, dato costante rispetto la settimana precedente”.

“La circolazione della variante Delta” di Sars-CoV-2 “è prevalente in Italia. Questa variante è dominante nell’Unione europea ed associata ad un aumento nel numero di nuovi casi di infezione anche in Paesi con alta copertura vaccinale”, ricorda la bozza del monitoraggio. “Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenute da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità”, ammoniscono quindi gli esperti.

Inoltre, ribadiscono, “è opportuno continuare a garantire un capillare tracciamento, anche attraverso la collaborazione attiva dei cittadini, per realizzare il contenimento dei casi; mantenere elevata l’attenzione ed applicare e rispettare misure e comportamenti raccomandati per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale”.

Source

“https://it.notizie.yahoo.com/covid-oggi-italia-rt-lieve-075000996.html”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Blocco procedure esecutive: novità destinata ad aiutare le famiglie che stanno subendo l’azione esecutiva sulla propria abitazione principale.
Esecuzioni immobiliari: come rifinanziare la prima casa all’asta
In estrema sintesi, è data la possibilità al debitore/consumatore la cui abitazione principale sia sottoposta ad esecuzione forzata iniziata dalla banca creditrice (o da un intermediario finanziario ex art. 106 D.Lgs. n. 385/1993 o, ancora, da una società per la cartolarizzazione dei crediti di cui all’art. 3, L. n. 130/1999) o in cui la stessa sia intervenuta per un credito assistito da ipoteca di primo grado, di formulare una richiesta di rinegoziazione del mutuo in essere ovvero di finanziamento finalizzato all’estinzione del detto mutuo, con surroga nell’ipoteca esistente e con eventuale garanzia del Fondo di Garanzia per la prima casa

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: