Effetto Covid sull’istruzione in Italia: il conto lo pagano giovani Neet e donne

Un’istruzione fragile. Che era tale ben prima della pandemia e che il Covid ha continuato a fiaccare. Facendo pagare il conto ai più deboli: i giovani Neet e le donne. Del resto, solo Slovacchi, Turchia e Polonia – in Europa – hanno chiuso le scuole superiori per più giorni di noi (90 contro una media di 70 per tutti i paesi industrializzati). È la fotografia dell’Italia scattata dall’Ocse con l’edizione 2021 del suo rapporto annuale Education at a glance. Da cui arriva l’ennesima conferma che continuiamo a spendere poco in education e soprattutto che spendiamo male.

L’impatto del Covid-19: in aumento Neet e inattivi

Il rapporto dell’organizzazione parigina dedica un’intera appendice ai 18 mesi di pandemia e all’impatto che ha avuto sull’istruzione in presenza. Con un dato che balza agli occhi più degli altri: l’Italia ha tenuto chiuse le scuole superiori per 90 giorni contro una media di 70 dei paesi Ocse; in Europa peggio di noi hanno fatto solo Slovacchia (115), Turchia (113), e Polonia (110).

Loading…

Con lo Tsunami sugli appredimenti degli studenti che ci ha raccontato l’Invalsi a luglio e con gli altri effetti indiretti che racconta adesso Education at a glance 2021. Stiamo parlando innanzitutto dell’aumento dei Neet che, nei paesi Ocse, sono passati dal 14,4 % del 2019 al 16,1 % del 2020. Mentre da noi i giovani nella fascia d’età 18-24 anni che non studiano né lavorano sono cresciuti, nello stesso arco di tempo dal 24,2 % al 25,5 per cento.
Anche quella che sembrerebbe una buona notizia – cioè una diminuzione di un punto in Italia del tasso di disoccupazione ( 20,3%) per gli under25 senza diploma mentre negli altri è salita di due punti (15,1%) – lo diventa un po’ meno visto che si spiega soprattutto con un incremento della quota di inattivi.

Il conto più salato lo pagano le donne

Pandemia a parte, l’Italia continua a non essere un paese per giovani donne. E qui l’Ocse fornisce i classici tre indizi che fanno una prova. In primo luogo, pur avendo il 35 % di laureate rispetto al 23 % dei loro coetanei uomini (contro una media Ocse che è, rispettivamente, del 52 % e del 39%), sono ancora troppo poche le ragazze italiane che scelgono un percorso Stem.
Con i risultati retributivi, e passiamo al secondo indizio, che vediamo: le nostre connazionali in possesso di un’istruzione terziaria percepiscono una retribuzione pari al 71% di quella dei loro colleghi maschi mentre tra le diplomate tale percentuale è del 79 per cento.
Terzo e ultimo indizio, solo il 30 % delle donne con un’età compresa tra i 25 e i 34 anni e in tasca solo la licenza media ha trovato un impiego nel 2020 rispetto al 64 % degli uomini. Negli altri paesi industrializzati la media è del 43% per le prime e del 69% per i secondi.

Scopri di più

La spesa resta bassa

Veniamo così ai vecchi nodi risolti. Con il nostro 4,1% di spesa per l’istruzione sul Pil – ma è il dato 2018, che quindi non risente ancora degli stanziamenti extra imposti dal Covid e relativi al 2020 e al 2021 – rientriamo tra i dieci paesi dell’Ocse con la quota di risorse più basse destinate ad asili, scuole e università.
Anche l’edizione 2021 di Education at a glance conferma la vecchia tradizione italiana di ridurre gli investimenti per l’education man mano che i livelli formativi salgono. Nel 2018, l’Italia ha speso 11 202 dollari Usa per studente nell’istruzione primaria, secondaria e post-secondaria non terziaria, 748 in più rispetto alla media (che è stata di 10 454). Quando si passa a parlare di università, invece, scopriamo che il nostro paese ha investito 12 305 dollari per studente, ossia 4.760 in meno che nel resto dell’Ocse. Numeri che, insieme a quelli elencati in precedenza, richiederebbero una riflessione ulteriore da parte del governo e dei ministri di turno.

Source

“https://www.ilsole24ore.com/art/effetto-covid-sull-istruzione-italia-conto-pagano-giovani-neet-e-donne-AEiK44i”
Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Blocco procedure esecutive: novità destinata ad aiutare le famiglie che stanno subendo l’azione esecutiva sulla propria abitazione principale.
Esecuzioni immobiliari: come rifinanziare la prima casa all’asta
In estrema sintesi, è data la possibilità al debitore/consumatore la cui abitazione principale sia sottoposta ad esecuzione forzata iniziata dalla banca creditrice (o da un intermediario finanziario ex art. 106 D.Lgs. n. 385/1993 o, ancora, da una società per la cartolarizzazione dei crediti di cui all’art. 3, L. n. 130/1999) o in cui la stessa sia intervenuta per un credito assistito da ipoteca di primo grado, di formulare una richiesta di rinegoziazione del mutuo in essere ovvero di finanziamento finalizzato all’estinzione del detto mutuo, con surroga nell’ipoteca esistente e con eventuale garanzia del Fondo di Garanzia per la prima casa

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: